Pressione per angina pectoris: cause di deviazioni, sintomi caratteristici, diagnosi e tattiche di trattamento

L'alta pressione con angina pectoris non solo minaccia la comparsa di un infarto, ma successivamente complica in modo significativo il processo di trattamento.

È importante notare che l'alta e la bassa pressione sanguigna rappresentano un'enorme minaccia.

Naturalmente, non sarà possibile eliminare completamente una tale malattia, che è caratterizzata da un forte dolore notato al centro del torace. Tuttavia, con una visita tempestiva a un cardiologo e seguendo le principali raccomandazioni del medico, le convulsioni possono non solo essere controllate, ma completamente eliminate.

Pressione angina

Quindi cos'è l'angina pectoris? Quando il muscolo cardiaco non ha abbastanza ossigeno, si nota una cosiddetta malattia chiamata ischemia. Può essere acuto (attacco cardiaco) e persino cronico, parossistico (angina pectoris). La carenza di ossigeno si nota a causa di una violazione totale o parziale del flusso sanguigno nei vasi coronarici.

Al momento, ci sono due forme di questa malattia: angina stabile e instabile.

Il primo è sospettato quando il cibo, l'attività fisica, lo stress e un eccesso di emozioni positive provocano un aumento della domanda di ossigeno del miocardio. Il paziente avverte sensazioni dolorose e spiacevoli nell'area dietro lo sterno, nella spalla, nella schiena, nel collo e persino sul braccio.

Quando la causa di questa condizione viene eliminata, tutti i sintomi scompaiono da soli. Quindi, come sono collegati l'angina pectoris e la pressione? La risposta alla domanda è disponibile in questo articolo..

Qual è la pressione per l'angina pectoris: aumentata o diminuita?

L'angina pectoris è una malattia patologica che segnala problemi nel funzionamento del cuore e dei vasi sanguigni. Questo disturbo appare a causa dell'insufficiente afflusso di sangue ad alcune parti del miocardio. Successivamente, il muscolo cardiaco manifesta una grave carenza di ossigeno.

Questa malattia spiacevole e dolorosa porta non solo a una compromissione della funzione cardiaca, ma anche a significativi salti della pressione sanguigna. Quindi quale pressione è più caratteristica per i pazienti con questa diagnosi: alta o, al contrario, bassa? Come riportare le letture del tonometro in modo rapido ed efficiente alla normalità?

Quindi cosa succede nelle persone con pressione sanguigna con angina pectoris? Gli specialisti nel campo della medicina sostengono che in un numero impressionante di pazienti durante il prossimo attacco, la pressione tende ad aumentare.

L'ipertensione e l'angina pectoris sono due condizioni patologiche che sono indissolubilmente legate tra loro. Colpiscono il miocardio, le arterie, le vene e i capillari. Inoltre, è quasi impossibile determinare quale sia esattamente la causa e quale sia la conseguenza..

Le persone con ipertensione arteriosa che sono state ammalate periodicamente per diversi anni presentano sintomi di angina pectoris (hanno dolori spiacevoli dietro il torace).

Un aumento della pressione sanguigna con questo disturbo non è affatto un sintomo, come potrebbe sembrare a prima vista, ma il cosiddetto fattore aggravante, che peggiora l'ulteriore corso del disturbo. L'ipertensione arteriosa rallenta in modo significativo il flusso sanguigno ed è una causa che può influenzare le condizioni del cuore..

L'ipertensione crea condizioni favorevoli per l'emergere di un disturbo così pericoloso (e talvolta persino fatale) come l'infarto del miocardio.

Spesso un aumento della pressione arteriosa può causare insufficienza cardiaca cronica e altre complicazioni pericolose..

Tra l'altro, l'alta pressione provoca violazioni significative dell'integrità e delle prestazioni del ventricolo sinistro e del suo ipertrofia, che influiscono negativamente sulla funzionalità del cuore.

Può esserci angina con una pressione normale?

Se si verifica un forte dolore nella parte sinistra dello sterno, ma la pressione è normale o leggermente diminuisce, il medico può suggerire la presenza di cambiamenti organici e persino funzionali nel muscolo cardiaco.

I cambiamenti organici sono più facili da identificare perché si manifestano come gravi danni al cuore e alle navi nell'area. Ma quelli funzionali sorgono senza cambiamenti organici. Un elettrocardiogramma o un ecocardiogramma aiuteranno a identificare questa malattia..

Le patologie organiche derivano da malattie come:

  1. processo infiammatorio che si verifica nell'epicardio;
  2. infiammazione nel cuore;
  3. infiammazione del pericardio;
  4. ischemia;
  5. aritmia;
  6. difetti cardiaci congeniti.

Tutto ciò appare a causa della cattiva circolazione in diverse parti del corpo..

Vari tipi di infiammazione o danno interferiscono con il normale flusso sanguigno nel cuore. Di conseguenza, l'organo fa male a causa della carenza di ossigeno, insufficiente alimentazione delle strutture cellulari con composti vitaminici, macro e microelementi.

Non dimenticare le malattie della tiroide, che spesso a causa della produzione insufficiente di ormoni fanno battere il muscolo cardiaco più spesso o fanno male senza cambiare la pressione sanguigna.

Produzione insufficiente di ormoni surrenali, anemia e sovrabbondanza di ormoni tiroidei: tutto ciò ha un effetto negativo sulla funzionalità del muscolo cardiaco. Il dolore si verifica a causa di questi motivi.

Certo, si sviluppa molto lentamente, quindi all'inizio molti non ci prestano attenzione. Quando si sviluppano gradualmente lesioni di origine organica, gli attacchi di cuore stanno acquisendo una certa frequenza e intensità.

Le cause

La ragione principale per la comparsa dell'angina pectoris è considerata la carenza di ossigeno nel cuore, che si verifica a causa della compromissione della circolazione coronarica. Spesso c'è poco ossigeno a causa della presenza di placche aterosclerotiche nei vasi. La causa può essere allergie o infezioni..

Tali fattori possono influenzare in modo significativo lo sviluppo della malattia:

  1. malattie del muscolo cardiaco di natura cronica;
  2. cardiopatia;
  3. il periodo dopo un infarto;
  4. malattie croniche dell'apparato digerente, che sono nella fase acuta;
  5. cattive abitudini, in particolare il fumo e l'abuso di alcolici;
  6. stile di vita sbagliato;
  7. stress e significativo stress emotivo;
  8. menopausa e disturbi che si verificano sullo sfondo;
  9. cambiamenti significativi della temperatura, salti della pressione sanguigna e disturbi del ritmo cardiaco.

I segni della malattia possono essere molto diversi: spesso i pazienti di cardiologi lamentano mancanza di respiro e dolore, sensazione di bruciore, sensazione di spremitura nella zona del torace.

Il disagio può essere visto nella regione del cuore, tra le scapole, nel plesso solare, nella mano sinistra e persino nella spalla.

In rari casi, l'angina pectoris si manifesta come un forte mal di testa. Potrebbe esserci anche dolore ai denti. Gli attacchi sono spesso accompagnati dai cosiddetti disturbi dispeptici: nausea e bruciore di stomaco, che è più caratteristico del gentil sesso.

Con i primi sintomi dell'angina pectoris, dovresti immediatamente sederti, nonché escludere l'attività fisica e cercare di rilassarti completamente.

I sintomi del dolore nella regione del cuore nelle donne differiscono dai segni negli uomini. Quest'ultimo si lamenta spesso di dolore lancinante e lancinante, che è spesso notato proprio nello stomaco. Ma la mancanza di respiro non si verifica quasi mai nelle donne.

Oltre al disagio, i pazienti prestano molta attenzione alle aritmie cardiache gravi. In questo caso, si notano sia una diminuzione che un aumento della frequenza delle contrazioni del cuore.

Vale anche la pena notare che c'è un cambiamento significativo nella forza dell'onda del polso. Il paziente ha sudore freddo e pallore della pelle. In posizione prona, l'attacco può solo intensificarsi.

Come trattare?

Con ipertensione

Spesso c'è persino la necrosi del cuore e, di conseguenza, la morte.

L'obiettivo della terapia è di mantenere la pressione a un segno normale di 140/89 mm Hg. Arte. E devi abbassarlo lentamente.

Con ipotensione

È molto importante iniziare a prendere farmaci con un effetto sedativo, che hanno una base naturale. A loro puoi aggiungere composizioni toniche naturali. L'uso di antidepressivi e di prodotti a base di caffeina non si fermerà.

Terapia farmacologica

A seconda dei sintomi, il medico può prescrivere farmaci speciali con effetto sedativo a bassa pressione per l'angina pectoris, che hanno un forte effetto calmante e rilassante. È anche importante assumere sempre vitamine..

Con l'angina pectoris, la cui causa è l'ipotensione, è necessario regolare il regime di sonno e veglia. Dovresti anche camminare il più spesso possibile all'aria aperta. In assenza di controindicazioni, è importante esercitare.

Come si può capire da questo articolo, i sintomi dell'angina pectoris possono essere eliminati solo se la causa del malessere è stata chiarita. Solo allora il medico selezionerà il trattamento ottimale in base ai sintomi. Durante la terapia, è importante aderire a tutte le raccomandazioni degli specialisti..

Pressione sanguigna per angina pectoris e malattia coronarica

La pressione sanguigna (BP) nell'angina pectoris, così come il polso e le sue fluttuazioni, svolgono un ruolo importante nella formazione della malattia coronarica (CHD). La combinazione di questi fattori influenza negativamente i rischi cardiovascolari. In questo articolo considereremo quale pressione può avere l'angina pectoris negli uomini e nelle donne e ti forniremo un algoritmo per la sua correzione.

Pressione e polso nei pazienti con angina pectoris: esiste una relazione

Con la progressione della deposizione di masse grasso-proteiche nella parete vascolare, le arterie diventano rigide e non sono in grado di fornire una regolazione della pressione, che può causare ipotensione.

Caratteristiche nelle donne

Nonostante il fatto che la IHD sia considerata una "malattia maschile", le donne sono ugualmente sensibili a questa patologia. L'insidiosità dell'ischemia in essi è che non mostra sempre i sintomi classici.

Molto spesso, le donne sono preoccupate:

  • Dolore e disagio a spalla, schiena, stomaco;
  • Dispnea;
  • Nausea e vomito;
  • Sudorazione
  • Vertigini e debolezza

Di norma, non ci sono dolori nella regione del cuore, quindi le lamentele del paziente sono attribuite a nevrosi, menopausa e patologia correlate al sistema digestivo e nervoso. Quindi manca il momento importante dell'ischemia, in cui può verificarsi un infarto del miocardio.

La pressione per l'angina nelle donne è spesso nel range di ipotensione. La bassa pressione sanguigna, secondo dati recenti, influisce negativamente sulla prognosi e sul decorso della malattia coronarica.

Ipertensione con angina pectoris

L'obiettivo principale del trattamento dell'angina pectoris dell'ipertensione è ridurre il rischio di morte per infarto del miocardio, ictus e insufficienza renale.

I farmaci per l'angina pectoris sono usati anche per l'ipertensione. I farmaci non possono curare completamente la malattia coronarica, ma possono ridurre al minimo la frequenza delle convulsioni e la loro intensità.

Inoltre, con l'assunzione corretta (lunga e regolare), abbassano la pressione sanguigna a un livello sicuro.

Pertanto, la qualità e l'aspettativa di vita, la capacità lavorativa e lo stato psicofisico generale, il background emotivo sono notevolmente migliorati. L'uomo si sente meno malato.

Medicinali con comprovata efficacia nel trattamento

Non fare completamente affidamento sui farmaci, perché senza cambiamenti nello stile di vita, perdono parzialmente la loro efficacia.

Ipotensione con angina pectoris

Fino a poco tempo fa, si pensava che la bassa pressione sanguigna fosse migliore che alta. Tuttavia, un'analisi statistica suggerisce che la pressione arteriosa sistolica di 110 e inferiore e la pressione diastolica di 60 e inferiore sono un fattore di rischio per lo sviluppo di infarto miocardico non meno dell'ipertensione.

L'ipotensione è caratteristica delle donne in età riproduttiva, nonché dei pazienti con grave aterosclerosi. La pressione sanguigna bassa si verifica in pazienti che assumono erroneamente alte dosi di farmaci antiipertensivi.

Di norma, una persona sente che la pressione è bassa - appaiono vertigini, sconcertanti e affaticamento. Sì, al momento, il metodo ottimale per correggere questa condizione è la normale attività fisica, l'uso di prodotti contenenti caffeina in quantità moderate e l'uso di calze a compressione.

Il trattamento degli attacchi di angina con ipotensione è un compito difficile, poiché la maggior parte dei farmaci prescritti per questa malattia presentano un effetto di riduzione della pressione.

Come si comporta l'impulso in tali pazienti e cosa farne?

Se il battito cardiaco aumenta bruscamente con lo stress fisico ed emotivo, ad esempio, quando raggiungi tritatamente un minibus, la necessità di ossigeno aumenta rapidamente. Se su questo sfondo si verifica un attacco di angina con spasmo dei vasi coronarici, l'ischemia può avere gravi conseguenze.

I beta-bloccanti sono i farmaci di scelta in pazienti con alte frequenze cardiache. Sono inclusi nel trattamento dell'ipertensione. Sia la pressione sanguigna alta che bassa nell'angina pectoris sono un fattore di rischio per eventi cardiovascolari indesiderati, come infarto del miocardio e ictus.

La correzione medica tempestiva dell'ipertensione e il supporto della pressione allo stesso livello migliorano il benessere, le prestazioni e la prognosi del paziente.

Qual è la pressione per l'angina pectoris??

La pressione sanguigna nell'angina pectoris non è solo in grado di aumentare il rischio di infarto del miocardio, ma complica anche il trattamento. Sia la pressione alta che quella bassa comportano un'ulteriore minaccia. Non sarà possibile curare completamente l'angina, ma con una visita tempestiva a un cardiologo e seguendo tutte le raccomandazioni, le convulsioni possono essere controllate.

Cos'è?

Quando il muscolo cardiaco manca di ossigeno, appare la malattia coronarica. È acuto (infarto del miocardio) o cronico, parossistico (angina pectoris). La fame di ossigeno si verifica a seguito di una violazione completa o parziale del flusso sanguigno nelle arterie coronarie. Distingua le forme stabili e instabili di angina pectoris.

L'angina pectoris stabile è sospettata quando si mangia, si fa sport, situazioni stressanti o, al contrario, un eccesso di emozioni gioiose provoca un aumento della domanda di ossigeno del miocardio. Il paziente avverte dolore o disagio dietro lo sterno, nella spalla, nelle scapole, nel collo, nel braccio. Quando il fattore di stress viene rimosso, il dolore di solito scompare.

Se tali attacchi si sviluppano quando una persona è rilassata, di notte, a riposo, allora parlano di angina pectoris instabile. Gli attacchi si manifestano in modi completamente diversi, una forma stabile può diventare instabile. È importante valutare correttamente la dinamica e il progresso delle manifestazioni sintomatiche.

Cause e sintomi della pressione arteriosa con angina pectoris

La causa dell'angina pectoris è la carenza di ossigeno nel miocardio a causa della ridotta circolazione coronarica. Molto spesso, l'ossigeno non è sufficiente a causa della presenza di placche aterosclerotiche nelle arterie coronarie. La causa è anche processi allergici o infettivi. I seguenti fattori possono scatenare la malattia:

  • cardiopatia cronica, cardiopatia, periodo post-infarto;
  • malattie gastrointestinali croniche nella fase acuta;
  • cattive abitudini e stile di vita malsano;
  • stress e sovraccarico emotivo;
  • disturbi della menopausa;
  • cadute di temperatura, picchi di pressione e disturbi del ritmo cardiaco.

I sintomi della malattia sono molto diversi: i pazienti lamentano mancanza di respiro e dolore, bruciore, sensazione di costrizione al petto. Può ferire nella regione del cuore, tra le scapole, nel plesso solare, nel braccio o nella spalla sinistra. In casi eccezionali, l'angina si manifesta con mal di testa e persino mal di denti.

Gli attacchi sono talvolta accompagnati da disturbi dispeptici: nausea e bruciore di stomaco, che è più caratteristico per le donne. I sintomi dell'angina nelle donne sono diversi dai segni di angina negli uomini. Si lamentano di dolori lancinanti e lancinanti, più spesso nell'addome, ma la mancanza di respiro nelle donne non si incontra quasi mai..

Oltre al dolore, i pazienti prestano attenzione ai disturbi del ritmo cardiaco. In questo caso, c'è sia un aumento che una diminuzione della frequenza cardiaca. Anche la forza dell'onda del polso cambia..

Il paziente sviluppa sudore freddo e la pelle diventa pallida. In posizione supina, l'attacco si intensifica solo. Al primo segno di angina pectoris, devi sederti, escludere l'attività fisica e provare a rilassarti.

Cosa succede alla pressione?

Durante gli attacchi di angina pectoris, la pressione aumenta più spesso. Non appena l'attacco termina, la pressione del sangue ritorna normale. A riposo, gli indicatori di pressione sono leggermente sopravvalutati, entro il limite superiore della norma, il che rende difficile la diagnosi.

In rari casi, dopo un attacco, la pressione cala bruscamente, il paziente sembra avergli spremuto tutti i succhi. I pazienti con una storia di ipertensione arteriosa devono ricordare che improvvisi picchi di pressione causano un attacco di angina.

Se il dolore dura più di 15 minuti, un'ambulanza dovrebbe essere chiamata per escludere l'infarto del miocardio.

Cosa fare con problemi di pressione sanguigna?

Per i pazienti ipertesi, è necessario un rigoroso monitoraggio della pressione arteriosa e attenuare le fluttuazioni quotidiane. Come terapia farmacologica, vengono utilizzati diversi gruppi di farmaci:

Pressione sanguigna in un attacco di angina pectoris

L'angina pectoris è una sindrome da dolore parossistico che si verifica nello sterno..

Una sensazione spiacevole appare quando viene disturbato l'afflusso di sangue al miocardio, che può diffondersi alla spalla, alla scapola sinistra, al collo, alla mascella inferiore. La patologia è una delle manifestazioni della malattia coronarica..

La pressione nell'angina pectoris aumenta e si normalizza dopo la fine dell'attacco. Bassa pressione sanguigna - un compagno frequente di infarto del miocardio.

Sintomi clinici

Ci sono angina pectoris, che appare di notte, e angina pectoris causata da sforzo psicoemotivo o fisico. Un segno pronunciato della malattia è il dolore toracico. Hanno un carattere pressante, comprimente, bruciante o tagliente..

L'intensità può essere sopportabile o molto forte, facendo gemere, urlare, avvertire la paura dell'imminente morte dei pazienti. Un uomo mette la mano sul petto, cerca di muoversi di meno, prendere una posizione comoda.

Il dolore si irradia principalmente alla scapola sinistra, al collo e alla regione epigastrica, che può causare nausea, bruciore di stomaco e coliche. Con un attacco atipico di angina pectoris, il disagio si diffonde nella metà destra del corpo, degli arti inferiori. In rari casi, il dolore è localizzato solo nell'epigastrio o nella testa, questo complica notevolmente la diagnosi.

Inoltre, i seguenti sintomi disturbano la persona:

  • pallore della pelle;
  • mancanza di aria;
  • sudore freddo e umido;
  • freddezza, intorpidimento delle mani;
  • ipertensione;
  • aritmia;
  • extrasistole.

L'indisposizione può essere causata da salire le scale, eccesso di cibo, stress, esposizione prolungata al vento e aria fredda, alta pressione.

In tali situazioni, il cuore sperimenta la fame di ossigeno, poiché non c'è abbastanza sangue che scorre attraverso le arterie trombose ristrette.

Se il paziente sviluppa ipertrofia delle pareti del ventricolo sinistro, durante l'esercizio fisico c'è anche una mancanza di ossigeno, anche in assenza di stenosi coronarica.

Il corso dell'angina pectoris nei pazienti ipertesi

L'ipertensione arteriosa è uno dei fattori di rischio per la malattia coronarica e l'ictus. Una combinazione di varie forme di patologia cardiaca (angina pectoris, ictus, aritmia, infarto) con un aumento sistematico della pressione è particolarmente comune. Un complesso di anomalie può aumentare il rischio di complicanze cardiovascolari e morte.

L'ipertensione attuale a lungo termine e l'angina pectoris causano cambiamenti nei tessuti cardiaci, si sviluppa un'ipertrofia ventricolare sinistra, caratterizzata da ispessimento delle pareti. Ciò porta a una compromissione della funzionalità di questo reparto, la cavità ventricolare si espande, si verificano sintomi di insufficienza cardiaca. Ci sono segni di angina pectoris in mezzo all'aumento della massa miocardica.

Diagnosi della malattia

Per confermare la diagnosi, viene eseguito un ECG, il monitoraggio giornaliero dell'ECG. L'esame ti consente di registrare gli attacchi di angina. L'ecocardiografia è necessaria per valutare lo stato del miocardio, la localizzazione dei siti ischemici.

La scintigrafia è indicata per identificare i focolai di necrosi, la coronografia viene eseguita per determinare il grado di danno alle arterie.

La velgoergometria è un test che determina il carico massimo che un paziente può sopportare senza la minaccia di ischemia..

Angina pectoris ad alta pressione

Quando elabora un regime terapeutico, un cardiologo tiene conto non solo dei meccanismi di sviluppo della malattia ischemica, ma anche delle cause dell'ipertensione. La terapia mira a ridurre la probabilità di complicanze e mortalità, poiché l'ipertensione è un gruppo ad alto rischio che è direttamente proporzionale al grado di aumento della pressione sanguigna (gli indicatori diastolici sono importanti).

Quando si prescrive la terapia, vengono prese in considerazione le malattie sistemiche esistenti, l'età, l'ipertrofia ventricolare sinistra e la presenza di disturbi metabolici. Allo stesso tempo, vengono trattati l'ipertensione e l'angina, ai pazienti vengono prescritti farmaci combinati che abbassano la pressione sanguigna..

È necessario ridurre gradualmente la pressione, con un forte calo dei segni del tonometro, può verificarsi un infarto a causa di una diminuzione del flusso sanguigno al cuore.

Dall'angina pectoris vengono prescritti i beta-bloccanti. I farmaci riducono la frequenza cardiaca, abbassano la pressione sanguigna, aumentano l'erogazione di ossigeno al cuore. Ad alta pressione, sono preferiti agenti selettivi (Atenololo, Bisoprololo) e β-adrenergici con proprietà vasodilatanti (Carvedilolo, Nebilet).

Le compresse antiipertensive ad azione prolungata consentono di controllare le fluttuazioni della pressione sanguigna durante il giorno.

L'ipertensione e l'angina sono trattate con antagonisti del calcio. Si tratta di farmaci di prima linea particolarmente efficaci nell'aterosclerosi concomitante, tachicardia, in pazienti di età superiore ai 65 anni.

Le medicine agiscono sui muscoli lisci delle pareti vascolari, promuovono il rilascio di azoto dall'endotelio, riducono l'attività piastrinica, il livello di colesterolo dannoso nel sangue e prevengono la crescita delle placche lipidiche.

Per il trattamento dell'angina pectoris e della pressione alta, ai pazienti vengono prescritti Plendil, Cardil, Verapamil. Si tratta di antagonisti del calcio con rilascio prolungato di sostanze attive, che assicurano il mantenimento di una concentrazione costante del farmaco nel sangue.

Le statine sono prescritte per colesterolo alto e trigliceridi. Le medicine interferiscono con la formazione di placche aterosclerotiche; quando vengono assunte, il rischio di intasamento delle arterie coronarie e infarto del miocardio è ridotto.

Se al paziente viene diagnosticata l'ipertrofia ventricolare sinistra, il rigurgito mitralico, l'insufficienza cardiaca, l'ipertensione polmonare, viene prescritta la somministrazione di forme ritardate di Nitrosobit.

Angina bassa pressione sanguigna

In alcuni casi, la causa dell'angina pectoris è la bassa pressione sanguigna. Il paziente riduce il flusso sanguigno alla bocca delle arterie coronarie, gittata cardiaca, il miocardio sperimenta la fame di ossigeno. Farmaci, tachiaritmia, ipotensione venosa possono provocare una diminuzione della pressione sanguigna..

Se la pressione è bassa, non è possibile assumere la nitroglicerina durante un attacco, i farmaci del gruppo dei nitrati abbasseranno ancora di più la pressione sanguigna, il che può portare a necrosi miocardica. Per alleviare il dolore, si consiglia di assumere una posizione orizzontale per garantire il flusso di sangue al cuore e al cervello.

Un brusco calo della pressione sanguigna può essere un sintomo di un infarto, quindi è necessario chiamare urgentemente un'ambulanza, fare un impacco caldo sulle gambe o indossare calze di lana.

Chirurgia

La chirurgia viene eseguita per aumentare il lume delle arterie, ristretto da una placca aterosclerotica. Il trattamento viene eseguito in diversi modi:

  • stenting - l'introduzione di uno stent (protesi a maglie) nell'arteria;
  • innesto di bypass dell'arteria coronaria - creando una soluzione alternativa per il flusso di sangue al cuore;
  • rivascolarizzazione laser - la formazione di passaggi artificiali nel miocardio in modo che il sangue scorra bypassando le arterie coronarie, l'operazione è controindicata se viene rilevata l'ipertrofia del ventricolo sinistro;
  • angioplastica: l'introduzione di un catetere nella nave con un palloncino che aumenta il lume dell'arteria durante il riempimento;
  • trapianto di cuore.

Prognosi per angina pectoris

La malattia ha un decorso progressivo, può portare a infarto del miocardio, disabilità e morte. Le complicanze a lungo termine includono cardiosclerosi e insufficienza cardiaca cronica. L'alta pressione per l'angina pectoris negli uomini e nelle donne, l'ipertrofia ventricolare sinistra complica il decorso della malattia coronarica, contribuisce alla progressione della patologia.

Con l'ipertensione prolungata nei pazienti, la struttura delle arterie intracerebrali cambia - questo provoca disturbi neurologici, mentali, porta a un ictus o disfunzione cerebrovascolare.

La terapia sistematica, l'attuazione di misure preventive contribuiscono al miglioramento della prognosi, al miglioramento della qualità della vita del paziente, consentono di mantenere la capacità lavorativa.

Angina pectoris e pressione sanguigna

L'età media delle persone con disturbi cardiaci diminuisce drasticamente ogni anno. Ciò è dovuto a stress costante, stress fisico e mentale, ambiente inquinato, incapacità di rilassarsi nel tempo, dormire a sufficienza.

Le principali malattie insidiose del sistema cardiaco sono le manifestazioni sintomatiche della malattia coronarica. Uno dei sintomi è l'angina pectoris..

Che cos'è l'angina pectoris?

L'angina pectoris è una sindrome del dolore situata nella zona del torace, nella zona del cuore. Il dolore può manifestarsi improvvisamente, molto spesso con stress, eccitazione, durante lo sforzo fisico. Gli attacchi di angina non durano più di 20 minuti. In genere, tali manifestazioni non si verificano in uno stato calmo..

Una caratteristica del dolore nell'angina pectoris è il dolore acuto nell'area del torace, che può essere trasmesso al collo, al braccio e alla mascella. A volte il dolore va alla schiena, alla scapola, alla mascella.

La causa principale dell'angina pectoris è insufficiente apporto di sangue al muscolo cardiaco a causa di malattia coronarica. Durante l'ischemia, il cuore è carente di ossigeno, che provoca attacchi di angina.

Sintomi e cause dell'angina pectoris

I sintomi caratteristici dell'angina pectoris sono abbastanza facili da identificare e non possono essere confusi con altre malattie..

I segni dell'angina sono:

  • dolore intenso (pressante, restringente, accompagnato da bruciore e disagio) nello sterno;
  • durata del dolore - non più di 20 minuti.

Molto spesso, gli attacchi si verificano quando si cammina, durante il movimento, lo sforzo fisico, come in un impeto di rabbia, stress, sovraeccitazione emotiva, nonché quando si sale le scale. Forse la comparsa di dolore dopo aver sovraccaricato lo stomaco dopo una festa o una cena abbondante.

Spesso il dolore scompare da solo quando l'esercizio viene interrotto, quando si ferma dopo una camminata veloce, in cui si verifica un attacco. Durante l'assunzione di nitroglicerina, la riduzione del dolore si verifica dopo pochi minuti.

Importante! A volte un attacco di angina pectoris è caratterizzato in modo atipico: mancanza di respiro, dolore alla scapola, schiena.

Un attacco può essere particolarmente lento nei pazienti che soffrono di glicemia alta e diabete mellito). In questo caso, possono verificarsi nausea, mancanza di respiro, debolezza.

In rari casi, l'angina è asintomatica, la cosiddetta ischemia "silenziosa".

Inoltre, gli attacchi di angina possono essere accompagnati da altri sintomi:

  • paura del panico;
  • sensazione di mancanza d'aria;
  • vertigini;
  • ipertensione;
  • tachicardia.

I sintomi scompaiono dopo l'assunzione di nitroglicerina e il riposo. Gli attacchi di cuore possono essere un attacco di cuore o un arresto cardiaco.

Cause di angina pectoris

La causa dell'angina pectoris, come descritto in precedenza, è insufficiente apporto di sangue al tessuto cardiaco. Questo porta a dolore e disagio. Le placche aterosclerotiche possono interrompere il flusso sanguigno, si formano nel vaso e restringono il lume per il flusso sanguigno.

I fattori che contribuiscono allo sviluppo di questa malattia sono:

  • obesità;
  • fumare. Contribuisce al restringimento dei vasi sanguigni, che interferisce con il normale afflusso di sangue a tutti gli organi umani;
  • colesterolo alto;
  • vasospasmo (predisposizione genetica);
  • diabete. Il rischio di sviluppare angina pectoris con diabete raddoppia;
  • stato di stress costante (lavoro, situazioni stressanti);
  • stress emotivo;
  • debole attività fisica (frequente immobilità);
  • ipertensione;
  • tendenza ereditaria a coaguli di sangue;
  • elevata coagulabilità del sangue, con conseguente coaguli di sangue.

L'angina pectoris può svilupparsi se ci sono diversi fattori..

Importante! Se una persona ha almeno uno dei fattori dell'angina pectoris, allora è più suscettibile allo sviluppo di questa malattia.

Sotto l'influenza di fattori provocatori, può verificarsi un attacco a causa di stress o esplosione psico-emotiva, nonché durante lo stress fisico.

Come cambia la pressione con l'angina

La pressione normale negli uomini e nelle donne è leggermente diversa.

Gli indicatori medi per gli uomini sono leggermente più alti: all'età di 40 anni, gli indicatori della pressione media per gli uomini sono 129/81; alla stessa età nelle donne - 127/80.

Le deviazioni aumentano con l'età. Con l'angina pectoris, la pressione sanguigna può aumentare, ma non a livelli critici. È considerata una pressione pericolosa negli uomini e nelle donne - oltre 180/110. Di conseguenza, il valore critico nelle donne è anche leggermente inferiore.

La pressione nell'angina pectoris non raggiunge gli indicatori critici: può aumentare leggermente e dopo un attacco può ridursi alla normalità. Negli uomini, la pressione aumenta più spesso che nelle donne. Gli attacchi di angina nelle donne stesse sono più lievi.

Importante! Se dopo un attacco di angina pectoris la pressione non è diminuita e il dolore non è diminuito, la vittima deve essere ricoverata con urgenza. Questi indicatori possono indicare la presenza di infarto del miocardio..

Trattamento dell'angina pectoris e della pressione alta

Prima di prescrivere il trattamento, è necessario diagnosticare correttamente l'angina pectoris, poiché i sintomi possono essere la causa di un'altra malattia.

Il trattamento dell'angina pectoris è finalizzato alle seguenti azioni:

  • sollievo dalle sindromi dolorose;
  • prevenzione del rischio di infarto del miocardio;
  • purificazione dei vasi sanguigni dalle placche aterosclerotiche, garantendo un normale apporto di sangue al cuore.

Prima di tutto, il paziente dopo un attacco di angina pectoris dovrebbe essere a riposo. Qualsiasi esperienza, stress psicologico e fisico porta ad un aumento del carico sul cuore, il che è controindicato. Successivamente, vengono prescritti farmaci che fermano il dolore e normalizzano lo stato emotivo del paziente.

farmaci

Se si verifica un attacco di angina, puoi prendere una compressa di nitroglicerina sotto la lingua. Se il dolore persiste, ciò può indicare un infarto.

Il dolore con un attacco di angina pectoris può essere alleviato dai seguenti gruppi di farmaci:

  • beta-bloccanti. Ridurre significativamente la frequenza cardiaca, che aiuta a ridurre la domanda di ossigeno del muscolo cardiaco;
  • nitrati. Medicinali che portano alla vasodilatazione;
  • bloccanti dei canali del calcio. Possedere proprietà antianginose;
  • ACE-inibitori. Contribuire alla normalizzazione della pressione sanguigna, proteggere il muscolo cardiaco dai processi dolorosi.

Oltre a eliminare le sindromi dolorose con l'angina pectoris, il medico prescrive farmaci che aiutano a mantenere e normalizzare il lavoro del sistema cardiovascolare:

  • anticoagulanti. Contribuire alla protezione dei vasi sanguigni dalla trombosi, inibire lo sviluppo di coaguli di sangue esistenti;
  • sedativi. Contribuire alla normalizzazione e al rilassamento dello stato neuro-emotivo;
  • farmaci contro l'aritmia. Normalizza la frequenza cardiaca.

Per fermare lo sviluppo di placche aterosclerotiche nei vasi, è prescritto:

  • rasatello e fibrati, che riducono la formazione di colesterolo nel sangue. Sono usati più spesso allo stesso tempo;
  • agenti antipiastrinici, impediscono l'adesione dei globuli rossi: globuli rossi e globuli bianchi.

Importante! La nomina e il regime di qualsiasi farmaco devono essere eseguiti da un medico. Alcuni farmaci sono incompatibili o non adatti a un particolare paziente se ha caratteristiche individuali legate alla salute. L'autotrattamento può danneggiare seriamente.

Trattamento chirurgico

Con l'angina, ricorrono a misure chirurgiche nei casi in cui le convulsioni si ripetono abbastanza spesso, i sintomi sono difficili da eliminare con i farmaci e c'è il rischio di complicanze: infarto del miocardio.

Con l'angina pectoris, è consigliabile utilizzare uno dei metodi per la sua eliminazione:

  • intervento di bypass coronarico, in cui una nave danneggiata viene sostituita da un bypass;
  • angioplastica coronarica, in cui è inserito uno stent per espandere la nave danneggiata.

Con l'angioplastica coronarica, non vengono praticate grandi incisioni, a seguito delle quali il restauro avviene in un tempo più breve. Tuttavia, se il paziente ha il diabete, la sua età supera i 65 anni, quindi è consigliabile sottoporsi a shunt. Questo tipo viene utilizzato quando diverse navi sono danneggiate, ma viene eseguita una grande parte dello sterno..

Entrambi i metodi sono efficaci: il flusso sanguigno al cuore è normalizzato, la sua normale alimentazione viene ripristinata.

Trattamento domiciliare

I rimedi popolari usati nel trattamento dell'angina pectoris aiutano a rafforzare i vasi sanguigni nel cuore, rafforzare il muscolo cardiaco, normalizzare la pressione sanguigna.

Più comunemente usato:

  • infuso di menta piperita sotto forma di infusione;
  • l'aglio masticato durante un attacco allevia il dolore;
  • la scorza di limone, consumata prima dei pasti, migliora il benessere e allevia la frequenza degli attacchi di angina;
  • Il succo di aloe mescolato con succo di limone e miele migliora lo stato dei vasi sanguigni. La miscela deve essere conservata nel vano frigorifero..

Esistono altre ricette e persino corsi sul digiuno e l'assunzione di determinate infusioni, ma non esagerare.

Importante! Qualsiasi rimedio popolare per il trattamento dell'angina pectoris deve essere approvato da un medico. Altrimenti, il trattamento può aggravare il decorso della malattia e contribuire allo sviluppo di altri disturbi..

Dieta per l'angina pectoris

Il criterio principale per una dieta efficace e salutare per l'angina pectoris è di abbassare il colesterolo - un provocatore di placche aterosclerotiche e complice dell'obesità.

Il menu dovrebbe essere cibo magro, anche magro, principalmente vegetale:

  • pesce magro, carne (bollito, vapore);
  • ortaggi a foglia;
  • cereali;
  • frutta;
  • legumi;
  • noccioline
  • pane nero;
  • latte scremato.

Prodotti affumicati, sottaceti, salsicce, burro, dolci, limonata, muffin dovrebbero essere esclusi. In questo caso, non si dovrebbe sovraccaricare lo stomaco: mangiare meno e più spesso.

Conclusione

Pertanto, l'angina pectoris è una condizione in cui si verifica un'alimentazione insufficiente del cuore. Un attacco è caratterizzato: dolore al petto, mancanza di respiro e sensazione di mancanza d'aria. La pressione aumenta leggermente, ma poi si normalizza.

I principali provocatori dell'angina pectoris sono esplosioni emotive, stress, attività fisica.

Puoi curare la malattia con farmaci, usare rimedi popolari e dieta. Con attacchi frequenti, si raccomanda un intervento chirurgico. Dovresti monitorare attentamente la tua salute quando il corpo è attaccato da attacchi di angina, poiché questa malattia è un presagio di infarto del miocardio.

Angina pectoris

L'angina pectoris è una condizione in cui una persona sviluppa dolore parossistico nella zona del torace. Ciò è dovuto a un'acuta mancanza di afflusso di sangue al miocardio. Pertanto, il paziente ha manifestazioni cliniche di malattia coronarica.

Tipi di angina pectoris

In medicina, è consuetudine determinare diverse varietà di angina pectoris, a seconda della sua frequenza e natura. Quindi, con la prima comparsa dell'angina pectoris, i sintomi dell'angina pectoris si verificano per circa un mese, dopo di che la malattia regredisce o la malattia passa alla forma di angina pectoris stabile.

Con un'angina pectoris intensa (stabile), si verifica uno sviluppo regolare di convulsioni. Sorgono in questa fase come conseguenza di vari tipi di stress. Questa forma di angina pectoris è definita la forma più “pura” della malattia. Questa fase della malattia segnala spesso un alto rischio di sviluppare un paziente con infarto del miocardio.

Con angina progressiva (instabile) in un paziente, le convulsioni si verificano improvvisamente e inaspettatamente. Spesso si sviluppano in una persona che è a riposo.

Nel processo di sviluppo di un tale attacco, una persona avverte un dolore toracico molto grave. Questo tipo di angina è più pericoloso proprio a causa dell'aumentato rischio di infarto del miocardio.

Molto spesso con angina instabile, il paziente viene ricoverato in ospedale.

Con l'angina variante, lo sviluppo di un attacco si verifica spesso di notte ed è una conseguenza diretta degli spasmi vascolari. È possibile monitorare questa forma di angina pectoris in base ai risultati dell'ECG. In generale, è un disturbo piuttosto raro..

Cause di angina pectoris

L'angina pectoris è sia una malattia che una sindrome clinica. Se stiamo parlando di una malattia separata, allora molto spesso l'angina si verifica come conseguenza dell'aterosclerosi delle arterie coronarie.

Questo fenomeno provoca un notevole restringimento del lume delle arterie, che a sua volta impedisce il normale afflusso di sangue al miocardio. In particolare, l'angina pectoris si manifesta in una persona a causa di un intenso stress fisico ed emotivo..

Se le arterie dovute a aterosclerosi acuta si restringono del 75% o più, si verificano attacchi di angina nel paziente e a causa di un moderato stress mentale e fisico.

Un attacco di angina pectoris di solito si verifica dopo che il flusso sanguigno verso la bocca delle arterie coronarie diminuisce. Ciò si verifica in pazienti con ipotensione arteriosa (in questo caso l'ipotensione diastolica è particolarmente pericolosa), con ipotensione venosa, calo della gittata cardiaca e tachiaritmia..

Inoltre, un effetto riflesso dall'esofago, dal tratto biliare e dalla colonna vertebrale può provocare un attacco di angina pectoris, se ci sono disturbi concomitanti di questi organi. Il restringimento acuto del lume dell'arteria coronaria si verifica come conseguenza di un trombo non ostruente, gonfiore di una placca aterosclerotica.

Un attacco di angina pectoris si attenua se il livello di lavoro del muscolo cardiaco si normalizza sotto l'influenza della nitroglicerina o una diminuzione del carico. In questo caso, il flusso di sangue alle arterie coronarie è normalizzato.

Sintomi dell'angina pectoris

La condizione principale per la manifestazione di un attacco di angina in una persona è uno stato di stress. Molto spesso, si sviluppa quando si cammina, ad esempio durante l'accelerazione del movimento, il sollevamento, nel processo di trasporto di un carico pesante o quando si sposta immediatamente dopo un pasto pesante.

Tuttavia, altre forme di stress, oltre al sovraccarico emotivo, possono provocare la manifestazione dei sintomi dell'angina pectoris. Se lo sforzo fisico continua o la loro intensità aumenta, il dolore toracico si intensifica. Ma se una persona interrompe gli sforzi, i sintomi del dolore dell'angina scompaiono gradualmente dopo pochi minuti.

A volte il dolore all'angina è localizzato dietro lo sterno, che è il sintomo più tipico. In casi più rari, il dolore si irradia al collo, alla mascella inferiore, ai denti, al braccio sinistro e alla scapola. Fondamentalmente, il dolore ha un carattere pressante e compressivo, in casi più rari si manifesta un bruciore, come il dolore di bruciore di stomaco.

A volte una persona sente pesantezza al petto, disagio per la sensazione della presenza di un corpo estraneo nel petto.

Con l'angina pectoris, il paziente ha un forte aumento della pressione sanguigna, il sudore si manifesta, la persona diventa pallida.

Tutte le suddette caratteristiche del dolore sono prese in considerazione nel processo di diagnosi di una malattia. Consentono di distinguere la manifestazione dell'angina pectoris dal dolore al cuore, che indica altre malattie.

Gli esperti osservano che un meccanismo simile per l'insorgenza del dolore nell'angina pectoris è di grande importanza, perché a causa di un forte dolore una persona ferma e ferma l'attività fisica, che è oltre la forza del suo cuore.

Diagnosi di angina pectoris

La diagnosi di angina pectoris si verifica spesso all'appello in prima persona con uno specialista. Allo stesso tempo, per rifiutare una tale diagnosi, un paziente deve essere monitorato a lungo, è necessario eseguire una serie di esami, nonché un esame approfondito del paziente.

Nel processo di diagnosi dell'angina pectoris, viene utilizzato uno studio ECG, nonché test di stress, scintigrafia miocardica, ecocardiografia bidimensionale, ventricolografia con radionuclidi, coronarografia e altre tecniche.

Nel processo di esame di un paziente che utilizza un elettrocardiogramma, uno specialista può osservare la presenza di segni specifici che indicano che il paziente ha ischemia miocardica.

È vero, nel processo di diagnosi, il fatto che a riposo tali segni non vengano osservati dovrebbe essere fatale, quindi, quando si esegue un elettrocardiogramma standard, non è sempre possibile stabilire la diagnosi corretta.

Per rilevare tali segni, viene eseguito un monitoraggio Holter di un paziente con sospetta angina pectoris. Questa tecnica consiste nel fatto che per un certo tempo, di norma, un giorno, l'ECG viene costantemente registrato. Allo stesso tempo, una persona continua a vivere la sua solita vita..

Grazie a questa tecnica, diventa possibile fissare le manifestazioni di ischemia, determinare quanto dipendono da vari tipi di tensione, scoprire quanto sia efficace il trattamento e se i cambiamenti patologici sono molto pronunciati.

Utilizzando gli stress test, in cui viene simulata una situazione all'aumentare della domanda di ossigeno del miocardio, è possibile determinare un numero di punti importanti nel processo diagnostico. Tali test vengono eseguiti esclusivamente sotto la stretta supervisione di uno specialista, nel processo di attuazione, vengono registrati i segni di ischemia..

È importante considerare che con angina instabile e infarto del miocardio, tali test non lo fanno.

Anche una controindicazione all'uso di questo metodo è l'aritmia grave, la presenza di insufficienza cardiaca e respiratoria, ipertensione arteriosa con ipertensione, tachicardia grave.

Ad oggi vengono utilizzati tre tipi di stress test: carichi fisici su un ergometro e tapis roulant per biciclette, test farmacologici, pacemaker.

Trattamento dell'angina

Come i principali meccanismi per calmare un attacco di angina pectoris: si determinano una rapida diminuzione del livello di lavoro del muscolo cardiaco e la normalizzazione dell'adeguatezza dell'influsso. Pertanto, il trattamento dell'angina pectoris, prima di tutto, comporta il sollievo dagli attacchi della malattia.

I pazienti devono essere consapevoli che questa malattia è un disturbo pericoloso, quindi la terapia deve essere eseguita esclusivamente sotto la supervisione di uno specialista e preferibilmente in ospedale. Utilizzando un trattamento adeguato per l'angina pectoris, è importante ottenere i seguenti risultati: ridurre il rischio di infarto del miocardio in un paziente in futuro, migliorare la qualità della vita complessiva del paziente.

Affinché il trattamento della malattia sia il più efficace possibile, è importante seguire le raccomandazioni del medico a colpo sicuro. Quindi, è necessario interrompere completamente il fumo, bilanciare la dieta quotidiana, ottimizzare l'attività fisica, monitorare costantemente la pressione sanguigna.

La dieta per i pazienti con angina pectoris prevede l'uso di una quantità minima di grasso. È importante prevenire la comparsa di un eccesso di peso e limitare il consumo di alcol a 30 g al giorno.

Per eliminare le cause che influenzano direttamente la manifestazione degli attacchi di angina in una persona, è importante prevenire situazioni che aumentano la necessità di ossigeno miocardico. Pertanto, non dovrebbero essere consentiti stress sia fisici che emotivi che provocano la comparsa di dolore..

Se questo è difficile da mettere in pratica, allora i farmaci antianginosi dovrebbero essere presi per la prevenzione. È altrettanto importante abbandonare l'attività fisica, che si verifica in parallelo con altri fattori che provocano attacchi di angina. Questo è freddo, vento, lo stato del corpo dopo aver mangiato e dopo il sonno.

Non assumere farmaci che aumentano la domanda di ossigeno del miocardio per il trattamento di altre malattie.

Come trattamento medico per l'angina pectoris, vengono prescritti tre gruppi principali di farmaci che agiscono sui vasi coronarici, espandendoli. Questi sono farmaci: nitrati, bloccanti, bloccanti dei canali del calcio.

Per fermare un attacco di angina pectoris, vengono scelti farmaci ad azione rapida: questi sono, innanzitutto, nitroglicerina in compresse, aerosol, applicazioni, fiale e compresse di nifedipina.

Molto spesso, i pazienti assumono questi fondi per via sublinguale, ma oggi anche gli spray stanno diventando molto popolari. Dopo la nitroglicerina, l'effetto si nota dopo 1-3 minuti. Se dopo l'assunzione della pillola non si manifestano effetti, è possibile assumere un'altra compressa di nitroglicerina dopo cinque minuti. Nei casi più gravi, i preparati di nitroglicerina possono essere somministrati per via endovenosa.

I nitrati a lunga durata d'azione sono nitrosorbide, Sustak forte; tra i farmaci bloccanti, il metoprololo e l'atenololo sono spesso utilizzati.

Farmaci: i bloccanti dei canali del calcio sono diltiazem, verapamil, nifedipina. Di norma, all'inizio del trattamento vengono utilizzati i farmaci più semplici ed economici: i nitrati. Se non vi è alcun effetto nel prenderli, o il paziente non tollera tale medicinale, altri gruppi di farmaci sono collegati.

Prevenzione dell'angina pectoris

La prevenzione dell'angina pectoris è principalmente intrapresa per prevenire l'aterosclerosi. Pertanto, le misure preventive dovrebbero essere adottate già a un'età media di 35-40 anni. È importante notare che la prevenzione dell'angina pectoris è particolarmente necessaria per quelle persone i cui parenti stretti avevano casi di angina pectoris.

È importante bilanciare la dieta quotidiana in modo da limitare la quantità di carboidrati e grassi facilmente digeribili di origine animale. I genitori dovrebbero assicurarsi che i bambini non mangino troppo, evitando così che diventino sovrappeso.

Inoltre, la dieta consigliata non dovrebbe contenere brodi di carne e pesce grassi, piatti fritti e affumicati, aringhe, cibi in scatola, carne grassa, condimenti e salse, alcool, farina, caffè e tè forti. Non puoi mangiare troppo di notte, è importante dividere il cibo in diversi ricevimenti uguali.

Gli esperti raccomandano di tenere regolarmente i giorni di digiuno: possono essere effettuati una volta ogni due settimane..

Fin dalla tenera età, è necessario fornire un'attività fisica adeguata e costante. Il carico più adatto in questo caso è il nuoto, che scorre tranquillamente all'aria aperta. Ogni giorno devi camminare, almeno per mezz'ora. Inoltre, la cessazione del fumo è un punto importante nell'attuazione delle misure per prevenire l'angina pectoris..

Se una persona ha una tendenza alle malattie cardiache, è importante prendere tutte le misure volte a ridurre la pressione. Le persone che hanno periodicamente angina pectoris dovrebbero sempre avere le pillole prescritte dal loro medico con loro e prenderle durante un attacco e per prevenire l'angina pectoris. Quindi, il paziente può assumere nitroglicerina prima di uno sforzo fisico serio.

Complicanze dell'angina pectoris

L'angina pectoris è irta dello sviluppo di complicanze molto gravi. Quindi, tra questi, il più comune nei pazienti è la progressione della cardiosclerosi, nonché il successivo sviluppo dell'infarto miocardico.

In questo caso, il primo sintomo di un infarto è a volte solo un lungo attacco di angina pectoris, che dura circa mezz'ora in un paziente. Inoltre, le manifestazioni di angina pectoris provocano l'insorgenza di successive aritmie.

Dieta per l'angina pectoris

  • Efficienza: l'effetto terapeutico si ottiene dopo 2 mesi
  • Date: costantemente
  • Il costo dei prodotti: 1700-1800 rubli a settimana